Recensione: MASSIMO PERICOLO – ” Le cose cambiano”

La cosa che più apprezzo di Massimo Pericolo è la sua coerenza. Una dote non comune in questo mondo e tanto più non comune nel mondo avulso e convulso dei rapper. Massimo Pericolo è coerente con la sua storia. 

Massimo è Alessandro e Alessandro è Massimo. La dimostrazione di questa qualità la si legge tutta nel manifesto lirico del suo nuovo disco, nel suo statement: la intro e la outro di questo terzo capitolo sonoro “Le cose cambiano”. 

In entrambi i brani esce tutto lo spirito di un ragazzo trentunenne di provincia, ormai un uomo, dopo tutto le cose cambiano, ma non cambia la sua essenza, il suo essere. 

Massimo Pericolo non è un personaggio, non è un voltagabbana, non è un burattino in mano al music business, uno che si lascia trasportare dal successo. Lui è uno che è riuscito ad emergere dal suo niente.
Le cose cambiano e possono cambiare, è quasi un messaggio di speranza, ma alla fine cambiano ma lui è coerente e rimane coerente e orgoglioso di essere ancora un ragazzo di provincia. 

E sono proprio il lago, il bosco, i suoi amici, la sua gente, i luoghi del nulla che vive ogni giorno, il sottofondo da dove nascono le sue storie. 

Accompagnato da una squadra inedita di produttori (Shune, Greg Willen, NKO, 2nd Roof, Crookers, Dardust, Xqz, TempoXso & Janax e Yung Purple) e con tanti amici diversi tra loro ma accomunati da stima reciproca come: Guè, Tedua, Baby Gang, Emis Killa, Niko Pandetta, Speranza, Rafilù e Fight Pausa. 

Il risultato sono sedici brani per poco meno di un’ora. Episodi diversi tra di loro.

Pezzi ruvidi, carichi di tensione e rivalsa (Fils De Pute) ma anche scenari di vita quotidiana normale (Totoro2, Come aria, 17 anni), identitari (Straniero), amicizie (Ancora qua), introspezione (Diluvio, Le cose cambino), amore (moneylove, Povero stronzo, Insieme), cazzeggio (Di persona), lettere e consigli (Ciao Frate, Senza di me) 

Tutti i bran sono legati tra loro da una lucidità lirica, una poesia urbana, scrittura mai banale, sempre attenta, quasi un realismo estremo interpretato senza troppi filtri e artifizi artificiali e politicamente corretti. 

Massimo Pericolo si conferma uno dei rapper più pensanti e acuti della scena italiana. Un cantautore della quotidianità, un uomo normale con i suoi mostri, le sue fragilità, i suoi limiti, i suoi eccessi, le sue contradizioni e tutte le sue speranze per un futuro migliore.

Un ragazzo di provincia coerente! 

SCORE: 7,50 

DA ASCOLTARE SUBITO

Massimo Pericolo – Straniero – Le cose cambiano

DA SKIPPARE SUBITO

Non skippo nulla. Un’ora che ti arriva dritta allo stomaco. 

TRACKLIST

1) MASSIMO PERICOLO – intro (prod. SHUNE)
2) DILUVIO feat FIGHT PAUSA (prod. 2ND ROOD & SHUNE)
3) MONEYLOVE feat EMIS KILLA (prod. NKO)
4) STRANIERO feat TEDUA (prod. SHUNE)
5) TOTORO 2 (prod. FROZY & SHUNE)
6) CIAO FRATE feat NIKO PANDETTA (prod. TEMPOXSO & JANAX)
7) FILS DE PUTE feat SPERANZA e RAFILÙ (prod. XQZ & FRANK)
8) SENZA DI ME feat BABY GANG (prod. XQZ)
9) COME ARIA (prod. GREG WILLEN)
10) LE COSE CAMBIANO (prod. DARDUST)
11) 17 ANNI skit (prod. SHUNE)
12) DI PERSONA feat GUÈ (prod. GREG WILLEN, T9C, ILIR808)
13) POVERO STRONZO (prod. CROOKERS)
14) INSIEME (prod. 2ND ROOF)
15) ANCORA QUA (prod. SHUNE)
16) NON PARLARMI – outro (prod. YUNG PURPLE)

DISCOGRAFIA

2019 – Scialla semper
2021 – Solo tutto
2023 – Le cose cambiano

I VIDEO 

WEB & SOCIAL

instagram.com/massimopericolo

L’articolo Recensione: MASSIMO PERICOLO – ” Le cose cambiano” proviene da Newsic.it.